10 spunti per il tuo Piano editoriale su LinkedIn

Una delle difficoltà più grandi quando si deve pianificare i nostri company Update sulla pagina aziendale su LinkedIn è riuscire a scrivere contenuti realmente efficaci, coinvolgenti, che generino interesse, reazioni e interazioni da parte della nostra  audience e dei nostri follower.

Ho già parlato dell’importanza di seguire un approccio strategico e una metodologia prima della stesura del piano editoriale, come la seguente:

Definisci la tua strategia editoriale

  1. Identifica il tuo lettore o interlocutore tipo. Chi sono le tue Reader o Buyer Personas? Per esempio un’azienda SW potrebbe rivolgersi sia al Professionista che al mondo delle aziende. Nella definizione della sua strategia editoriale dovrebbe tenere presente entrambi i suoi lettori oppure creare 2 pagine vetrina distinte per pubblicare contenuti diversificati.
  2. Definisci un elenco di macro-temi. Quali sono i macro-temi di loro interesse? Puoi far riferimento ad eventi, fatti, scadenze che riguardano la tua industry e i tuoi lettori  (es. Scadenze normative, pubblicazione del bilancio aziendale). Elenca almeno 5 macro-temi.
  3. Stabilisci i tuoi obiettivi da associare a ciascun contenuto. Ogni contenuto dovrebbe avere uno scopo (es. attirare, informare, incuriosire, convertire) e una propria collocazione all’interno del Funnel.
  4. Definisci le metriche con cui misurare l’efficacia dei  tuoi contenuti (es. raggiungere pubblici e mercati che ancora non ci conoscono, o generare engagement tra i nostri lettori, spingere all’azione, portare lettori interessati ad approfondire le nostre soluzioni o a prendere contatti con i nostri Partner)
  5. Definisci il micro-argomento che soddisfi un tuo obiettivo specifico, che si ricolga ad una specifica Reader Persona, che sia collocabile in uno specifico stadio del Funnel (Top,Medium, Bottom of Funnel)  e che sia  infine misurabile rispetto al suo scopo

Pianifica il tuo calendario editoriale

Una volta impostata la nostra strategia editoriale dovremmo operativamente:

  1. identificare le fonti affidabili, attendibili, aggiornate, professionali cui far riferimento per fare content curation (Blog, influencer, magazine internazionali e di settore)
  2. definire il lavoro interno di produzione dei contenuti (team interno, consulenti esperti, Accademici possono essere coinvolti) in base a obiettivi, audience, tipologia di contenuti
  3. pianificare la produzione dei contenuti per tipologia (Blog Post, White paper, video, infografiche, success stories, infografiche etc.)
  4.  stabilire una cadenza e orario di pubblicazione (es. 3 post al giorno, 5 giorni alla settimana)
  5. ottimizzare la pubblicazione tenendo conto delle best practice editoriali quali:
    1. tipologia e lunghezza del titolo
    2. lunghezza e redazione del testo
    3. citazioni di persone o aziende nel testo
    4. uso di parole chiave e hashtag per favorire la ricercabilità
  6. analizzare almeno 1 volta alla settimana gli Analytics della nostra pagina aziendale

10 spunti per un piano editoriale

Supponiamo che la tua azienda si rivolga  ad un certo settore, consulenti aziendali e liberi professionisti (Commercialisti, consulenti del lavoro e praticanti). Ecco alcuni spunti da sviluppare per il tuo piano editoriale:

  1. Quale consiglio pratico daresti a qualcuno che desidera entrare nel tuo campo (es. giovane commercialista)?
  2. Come sarà la tua industria tra 5 o 10 anni?
  3. E come ci arriverà la tua industria?
  4. Qual è il più grande problema che il tuo settore ha bisogno di risolvere?
  5. Quale competenza è essenziale nel tuo lavoro o nella tua azienda e perché?
  6.  In che modo il tuo lavoro, la tua professione o la tua industria è cambiata da quando tu hai cominciato?
  7.  Cosa di altro o di diverso faresti agli inizi della tua professione e perché?
  8. Come ti sei avviato alla tua professione?
  9. Quale consiglio daresti per un avanzamento di carriera?
  10. Quali sfide vedi per il futuro della tua professione?

Consigli finali

  • Cerca di essere al contempo personale e professionale per il tuo piano editoriale
  • Cerca di dare consigli pratici, concreti che tocchino e impattino la produttività e la vita quotidiana dei tuoi referenti, del tuo pubblico.
  • Quanto più riuscirai ad avere un tocco umano ma professionale quanto più riuscirai a conquistare le menti e i cuori del tuo lettore, cliente o prospect che sia.

Vuoi imparare a impostare, creare, rivedere e misurare l’efficacia del tuo piano editoriale su LinkedIn, sia per rafforzare  il tuo professional brand sia per affermare la thought leadership della tua azienda?
Sto organizzando un Workshop su questo tema, inviami un messaggio tramite il Modulo Contatti oppure scrivimi a: leonardo@linkedinforbusiness.it

Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attiva i tuoi dipendenti su LinkedIn