LinkedIn Profile: aggiungi una nuova esperienza

Premessa

Carissimi, inauguro il nuovo anno qui su LinkedIn con questo post  del tutto estemporaneo,  figlio del caso e dell’inganno, non programmato né pianificato ma nato da una riflessione estemporanea legata ad un semplice fatto. Anche il titolo è estemporaneo, vagamente filosofico,  come avrete notato.

Il Fatto

Ieri sera ho creato il profilo aziendale per “Propulse Academy“. Come sapete

[Tweet “non è di fatto necessario essere un’azienda per creare una pagina aziendale su LinkedIn”] per cui  è possibile creare un profilo anche per un Progetto come questo.  Il vantaggio nel creare una Pagina è che possiamo sviluppare un piano editoriale, creare un seguito etc.

 

L’intento era quello di ufficializzare il progetto Propulse Academy che abbiamo messo in piedi io ed Enrico Giubertoni negli ultimi mesi del 2015 e che svilupperemo e metteremo meglio a fuoco quest’anno.

Così  ho aggiornato il mio Profilo inserendo una nuova Posizione. Alla fine ho optato per questa soluzione e  non per l’inserimento di un Progetto (in realtà ci sono vantaggi e svantaggi per entrambe le opzioni, ma or non mi dilungo),  in modo da essere coerente con la creazione della pagina aziendale.

Cosa sta succedendo

Ebbene, sta succedendo che ho ricevuto da stamattina già una trentina di “congratulazioni ” dai miei collegamenti Linkedin che hanno ricevuto una notifica del mio cambio Profilo. Era da un po’ di tempo che non aggiornavo il Profilo inserendo una nuova Posizione per cui non ero abituato. Nulla di sconvolgente o di inusitato, direte voi.
Ho pensato  però alle implicazioni e alle opportunità  in termini di marketing  legate ad un’azione semplice come l’inserimento di una nuova Posizione e mi sono chiesto come possa razionalizzare, sulla base di quali fenomenologia, il potenziale impatto di questa semplice azione.

Le misure osservabili

Dato che non posso conoscere la reach effettiva (quanti sono stati raggiunti dalla notifica, dato che dipende dalle impostazioni private del singolo utente Linkedin) ,  ciò che posso monitorare sono le seguenti metriche, secondo una logica di Funnel:

1) numero dei messaggi di Complimenti “automatici”, che usano la frase standard di LinkedIn. A livello statistico  interessante notare chi usa l’impostazione della lingua in inglese e chi in italiano…
2) numero di messaggi di complimenti “personalizzati”, semi-caldi caldi, a seconda della temperatura del messaggio di complimenti o congratulazioni ricevute
3) numero di follower generati a seguito dalla notifica; quanti in realtà sono andati a visualizzare la pagina e sono diventati Follower?  In realtà la pagina è ancora vuota  di contenuti per cui avrei dovuto prima alimentarla con qualche contenuto e poi aggiornare il mio Profilo…
4) numero di richieste di collegamenti,  lead, conversioni, etc . ma ancora è presto.

A tutti coloro che mi hanno inviato un messaggio del 2° tipo, ho risposto o sto rispondendo…

A questo elenco manca un’altra dimensione, quella più personale,  legata  al personal branding; sarebbe interessante studiare come misurarne l’impatto. Su questo punto ne parlerò al Workshop del 21 gennaio.

Cosa avrei potuto fare…

… Ma che per frettolosità non ho fatto ( la metto tra Lezione appresa):
Tante cose, tra cui:

  • scrivere almeno 2-3 company update prima di aggiornare il mio Profilo
  • coinvolgere e citare amici, influencer etc. invitandoli a commentare i primi company update
  • dare visibilità ai contenuti e attività imminenti (in questo caso il workshop del 21 gennaio) magari sponsorizzando un paio di company updte

e tutte le altre azioni consigliate in caso di apertura di una nuova pagina su LinkedIn che farò nei prossimi giorni

E tutto questo prima di aggiornare il mio Profilo…

Conclusioni

  • Non sempre siamo consci della capacità di generare risposte, interesse, coinvolgimento insita nella dinamica relazionale di LinkedIn
  • E incredibile l’effetto che può generare una piccola azione come l’aggiornamento del Profilo, anche in termini di personal branding
  • la costruzione della nostra rete professionale di relazioni qui su LinkedIn ha davvero un  grande Potere in termini di capacità di generare Influenza; è un tesoro ancora molto spesso nascosto o che non abbiamo ancora scoperto né valorizzato
  • E come sappiamo, a un grande potere corrispondono grandi responsabilità

Stay tuned, alla prossima!

Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attiva i tuoi dipendenti su LinkedIn