[Podcast #130] LinkedInForBusiness incontra Simona Bargiacchi di Cromology Italia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Leonardo Bellini incontra Simona Bargiacchi di Cromology Italia

Leonardo Bellini incontra Simona Bargiacchi di Cromology Italia. Leonardo ha conosciuto Simona durante un’esperienza di formazione aziendale presso la sede di Cromology Italia per la realizzazione di un progetto di Employee Advocacy attraverso LinkedIn.

L’azienda in Italia è leader della produzione e vendita di vernici per l’edilizia. Forse non tutti conoscono Cromology ma sicuramente tutti ricordano l’immagine del cagnolino “Max” con il pennello di bocca, logo di MaxMeyer, il marchio più famoso di Cromology Italia.

[0’50”] Simona, presentati agli ascoltatori!

“Il mio lavoro in Cromology si compone di due anime, cosa che riflette la mia personalità e la mia formazione. In azienda mi occupo di progetti in collaborazione con l’Università e di Comunicazione interna.”

[05’00”] Che relazione hai con LinkedIn?

“Ho un rapporto con LinkedIn molto stretto. Sono su LinkedIn da una decina d’anni ma lo utilizzo in modo professionale da circa 5 anni, da quando in azienda sono approdata alle Risorse Umane e da quando ho la responsabilità della Comunicazione Interna di Cromology Italia, da quando ho avuto la curiosità di andare a scoprire tutte le potenzialità di LinkedIn. Ho iniziato a creare contenuti solo dopo aver studiato e appreso metodo, strategia e tattiche attraverso la formazione e i libri. Perché? Perché su LinkedIn è in gioco la tua professionalità e per me è fondamentale aver capito le logiche di questo social network, best practices e principi di base prima di buttarmi. In questo senso LinkedIn non è un social network come gli altri.”

[06’43”] Parlaci del progetto Cromology Voices

Cromology Voices (#cromologyvoices) è il progetto di Employee Advocacy di Cromology Italia volto a favorire la voce dei collaboratori su LinkedIn in modo che condividano in maniera consapevole contenuti su LinkedIn. In quelle giornate di formazione alle persone, ai dipendenti e ai collaboratori coinvolti volevo offrire un’esperienza formativa e di engagement che portasse l’entusiasmo di far parte del progetto. Abbiamo scelto LinkedIn e lo abbiamo scelto per un motivo: volevamo dare al progetto una chiara connotazione professionale. Anche tu Leonardo sei parte del progetto Cromology Voices!”

[09’23]” Cosa fa la differenza in un progetto di Employee Advocacy?

Quello che si percepisce è un reale coinvolgimento, adesione ed entusiasmo di partecipare con la propria voce e il proprio pensiero al racconto collettivo delle attività, dei valori e della cultura che accadono all’interno di Cromology. lo spirito giusto per portare avanti nel tempo un progetto di Employee Advocacy.

[11’41”] La sfida principale di progetti di Employee Advocacy è…

…mantenere alta l’asticella del coinvolgimento. Cosa succede molto spesso? Dopo un periodo iniziale di partecipazione ed entusiasmo può accadere un naturale declino o disaffezione al progetto aziendale. Parliamo quindi anche di Employee Engagement, di motivazione e benefici derivanti dal senso di appartenenza dei dipendenti al Brand e poi, di conseguenza parliamo di Brand Reputation. Contare su un team di lavoro che si mostra così coeso e motivato diventa elemento di forte attrattività agli occhi dei talenti.

[12’20”] Quali sono gli ingredienti che rendono vincente un progetto di Employee Advocacy?

Oltre ad avere chiari gli obiettivi e a riuscire a motivare le persone, secondo Simona gli elementi chiave che hanno contribuito al successo del progetto Cromology Voices sono:

  • la formazione
  • l’accompagnamento
  • la volontarietà
  • la spontaneità

E ascoltando il Podcast di Simona capiremo perché e come tutti questi elementi siano concatenati.

[14’50”] Cosa ti è piaciuto di più del progetto Cromology Voices?

“Quello che più mi è piaciuto di questo progetto e che più mi ha stupito è stato che ognuna delle persone, dei dipendenti lo abbia potuto interpretare personalmente.”

[15’45”] E quando dai voce alle persone, le persone sorprendono…

“Vi voglio raccontare una storia, la storia di Marcella. Marcella è una collega, un’ingegnere che si è occupata per molti anni di sicurezza prima in altre aziende e poi in Cromology. L’azienda, per mutate vicende aziendali le ha poi chiesto di cambiare ruolo, di reinventarsi. Questo per lei significava uscire dalla zona di comfort nella quale veniva protetta dalla sua stessa competenza. Marcella in quel momento ha deciso di partecipare a Cromology Voices. Questo perché il progetto ha intercettato un suo bisogno, il bisogno di condividere il suo percorso di sfida, una sfida al cambiamento che in un primo momento l’aveva indubbiamente destabilizzata. Per Marcella il progetto Cromology Voices è stato definito come terapeutico.”

[18’30”] Quanto è stato supportato da Top Management?

Per Simona è un elemento chiave e nel caso di Cromology Voices è stato un progetto fortemente supportato da tutti i direttori. E anche per questo 2021 il progetto è stato confermato.

[20’33”] Employee Advocacy e riconoscibilità del brand

Che ruolo ha svolto il progetto Cromology Voices dal punto di vista della riconoscibilità del brand Cromology e della capacità di essere attrattivo per i talenti? Simona ci invita semplicemente a osservare la pagina LinkedIn aziendale ma accenna anche ad alcune testimonianze che definiscono Cromology come una delle aziende obiettivo degli studenti universitari. Una Top Job Company!

[23’15”] Simona, un ultimo ingrediente di successo del progetto?

“Sicuramente la diversità. Molte persone che hanno espresso l’intenzione di partecipare a Cromology Voices sono partite senza neanche avere un profilo LinkedIn!”

Ascolta tutti i Podcast di LinkedInForBusiness su Spotify

Leonardo Bellini è consulente e formatore da oltre 25 anni.

Leonardo ha iniziato la propria attività di formazione presso Aziende, Università e Business School all’inizio degli anni 2000, tenendo in circa 20 anni più di 1000 giornate di formazione in aula e da remoto ad alcune migliaia di allievi: studenti, manager, professionisti, imprenditori, dirigenti e CEO di importanti aziende nazionali e multinazionali come 3M Italia, Heineken, Ambrosetti, UnipolSai etc.

Negli ultimi 5 anni ha tenuto più di 250 giornate di formazione su LinkedIn, Social Selling, Lead generation, Advertising ed Employer branding con LinkedIn.

Scopri come usare LinkedIn per sviluppare il proprio Employer Brand grazie al coinvolgimento dei dipendenti e alla loro trasformazione in Brand Advocate.

Scopri la formazione per le aziende!

Gli impiegati sono il patrimonio di marketing più importante per un’azienda, patrimonio che spesso viene sottovalutato. Possiamo aiutarti a sviluppare questo patrimonio di contatti e di valore a supporto del brand dell’azienda mediante un programma interno di Social Media Advocacy per i dipendenti.

Scopri i servizi per le aziende!

Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *